Solitamente grazie alle GRADUATORIE DI ISTITUTO (GI) si riesce, in base alla disponibilità, a lavorare per supplenze nel mondo della scuola. Però per avere maggiori possibilità nell'ottenere degli incarichi di supplenza, è possibile anche inviare direttamente alle istituzioni scolastiche la domanda di messa a disposizione, o anche conosciuta con il nome di Mad. Il documento può essere presentato alle scuole in carta semplice, compilando un fac-simile (che troverete alla fine dell'articolo), con i propri dati e la materia di insegnamento per la quale si concorre. L'aspirante può inviare la messa a disposizione a tutte le scuole che desidera e che nel piano di studi presentino la materia scolastica per la quale ha conseguito il titolo di accesso all'insegnamento. Il periodo migliore per inviare la domanda di messa a disposizione è all'inizio dell'anno scolastico. Si ricorda che la Mad, deve avere in allegato un curriculum vitae e il suo invio è valido per un intero anno scolastico.
L'istanza può essere inviata dall'aspirante tramite pec, fax o raccomandata A/R anche alle scuole di altre province (oltre a quella in cui è incluso nella graduatorie d'istituto).
Essa può essere inviata da tutti gli aspiranti docenti che abbiano conseguito titolo di studio di accesso all'insegnamento, ovvero la laurea magistrale o la laurea triennale specialistica e il diploma o scuola magistrale. Si ricorda che la domanda può essere inviata sia nelle scuole pubbliche che nelle scuole paritarie.
Si sottolinea il fatto che non è necessario essere iscritti nelle Graduatorie di istituto. Ovviamente possono presentare la Mad, anche gli aspiranti iscritti nelle Graduatorie di istituto che hanno presentato il modello B per la scelta delle scuole, inviando la messa a disposizione ad altri istituti scolastici della stessa provincia, per permettere la valutazione del punteggio nella graduatoria nella quale sono iscritti.

Per ulteriori info si rimanda alle seguenti note ministeriali:
  • La nota MIUR Prot. n. AOODGPER 1027 del 28 gennaio 2009
  • La nota del 18 settembre 2013
  • La nota del 20 settembre 2013


0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...